Pubblicità

Domenica 30 Aprile 2017    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
Padova Sette News
2017-04-29 Tre avvocati indagati per usura 2017-04-29 Padova conquistata da Ted Neeley 2017-04-29 Rocco Hunt e Gad Lerner al concerto del primo maggio 2017-04-28 Nuovo Polo Sanitario del Trentino: nominata la commissione. 2017-04-28 Sarà la festa dei giovani e dello sport 2017-04-28 Presentazione del libro: Russia è follia: un viaggio nella letteratura Russa ai confini del normale. 2017-04-28 L’impresa che si fa i robot su misura e anche la finanza 2017-04-28 NUOVI CESTINI STRADALI IN CENTRO STORICO E UN’ISOLA ECOLOGICA INTERRATA IN PIAZZA BRA 2017-04-26 Ecomobile di Amia - Domani 27 aprile sarà a Parona, La Rizza e Palazzina 2017-04-26 Arrestato a Torino Davide Vannoni 2017-04-26 PARTECIPAZIONE PRESIDENTE E DIRETTORE ALLA CONFERENZA STAMPA PER LA PRESENTAZIONE DELL’EVENTO ‘ECOPNEUS STREETBALL WEEK VERONA ’ 2017 2017-04-26 VERDE P UBBLICO: interventi settimanali di potature alberi 2017-04-26 Il presidente Miglioranzi alla conf. stampa di presentazione 'Ponte Pietra s'illumina' 2017-04-25 FATNA MARAOUI E MICHAEL KUNYUGA, ITALIA E KENYA ALLA PADOVA MARATHON 2017-04-25 Sconto sugli abbonamenti del bike sharing di Padova
ADIGE TV: Home Padova Sette News Ricerca  
sul sito su
Verona
Vicenza
Venezia
Rovigo
Trento
Treviso
Padova
Udine
Cult
Pordenone
In Piazza
Trieste
Cagliari

Estero
Budapest

Info Padova
















Venerdì 22 Ottobre 2010
Caos rifiuti, ancora scontri a Terzigno

Un'altra notte di scontri, cariche, disordini. Resta alta la tensione a Terzigno, dove continua la protesta della popolazione locale contro l'apertura di una nuova discarica. In mattinata un manifestante ha dato fuoco a una bandiera italiana dopo essere salito sulla pianta di ulivo che si trova al centro della rotonda di via Panoramica: «Questa è la nostra democrazia. State proteggendo i mafiosi. Vergognatevi». In precedenza l'uomo aveva mostrato la bandiera agli agenti che si trovano a presidio dell'accesso alla discarica. «L'avete calpestata e la state calpestando. Invece di protegge noi, persone perbene, difendete chi porta i rifiuti nella discarica». Poco più tardi, altre bandiere tricolori sono state fissate da un capo all'altro di una strada chiusa da blocchi di cemento, pietre, materassi e rami di alberi.

GLI SCONTRI - La situazione resta insomma difficile. Nella notte, forze dell'ordine e manifestanti si sono fronteggiati nuovamente. Una persona è stata sottoposta a fermo di polizia per detenzione di materiale esplodente. Diverse le accuse nei suoi confronti: adunata sediziosa, detenzione di materiale esplodente, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. Nel corso dei disordini, da un gruppo dei manifestanti sono stati lanciati sassi, petardi e, secondo quanto riferisce la polizia, anche molotov. Dopo l'una, i manifestanti hanno anche interrotto l'illuminazione lungo via Panoramica: la polizia ha effettuato diverse cariche con lancio di lacrimogeni.

Guerriglia urbana a Terzigno Guerriglia urbana a Terzigno Guerriglia urbana a Terzigno Guerriglia urbana a Terzigno Guerriglia urbana a Terzigno Guerriglia urbana a Terzigno Guerriglia urbana a Terzigno Guerriglia urbana a Terzigno

RIMOZIONE BLOCCHI - Nella mattinata, poi, venti auto-compattatori sono riusciti a passare lungo la strada che conduce verso la discarica di Sari, dopo la rimozione di alcuni blocchi stradali. Secondo quanto appreso da alcuni cittadini locali, gli auto-compattatori, scortati da una ventina di mezzi della polizia di Stato e dei carabinieri, provenivano da Torre Annunziata percorrendo via Settetermini. Il passaggio dei mezzi ha avuto luogo poco prima delle 8.45 senza incidenti.

FAZIO - Intanto il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ospite di Unomattina, ha assicurato che a Terzigno non ci sono rischi per la salute. I cattivi odori, ha spiegato il ministro, «non arrecano danni alla salute, come dimostrato da uno studio del ministero svolto durante la precedente emergenza rifiuti in Campania nel 2008-2009», ma è pericoloso «bruciare rifiuti in modo non controllato perché si produce diossina». Questo è già avvenuto, ha aggiunto Fazio, «ma la Regione sta monitorando i livelli di sostanze tossiche, come la diossina, nel latte e negli alimenti», e l'esito dei controlli «è negativo». E ha ribadito: «Nell'aria non ci sono rischi di aumentata flora microbica, anche se ovviamente il cattivi odori oltre a dare fastidio possono ridurre la qualità di vita dei cittadini».



Commenti
Nome
Email
Commento
Altre notizie di Padova
Rocco Hunt e Gad Lerner al concerto del primo maggio
Padova conquistata da Ted Neeley
Tre avvocati indagati per usura
Nuova pista ciclabile lungo via del Giglio
Sconto sugli abbonamenti del bike sharing di Padova
FATNA MARAOUI E MICHAEL KUNYUGA, ITALIA E KENYA ALLA PADOVA MARATHON
VERDE PUBBLICO: interventi settimanali
Sotto il segno dell'arte. Una nuova linea di viaggi
Anziana uccisa a Cesena,arrestata vicina
Uccide il figlio e si suicida
Avetrana, un Hachiko anche per Sarah: quel cane senza nome che ancora la cerca
Maricica, le scuse di Burtone pubblicate su quotidiano romeno
Il vescovo libanese: «Il Corano ordina di imporre la religione con la spada»
Sfrattati e ambulanti: il gioco imita la realtà
Solo i cani "sentono" le bombe talebane
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Mauro71
Guarda tutti

Pubblicità
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up



 
 
© Editrice Verona Autorizzazione Tribunale di Verona n. 1566 del 11.11.03