Pubblicità

Martedì 18 Dicembre 2018    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
Cagliari
2018-12-09 Aperto il primo dei due nuovi viadotti sul Tagliamento lungo la Trieste - Venezia 2018-12-08 Prorogato fino ad aprile 2019 il CdA uscente di Autovie Venete con Maurizio Castagna Presidente e Ad 2018-12-07 Acceso in Piazza San Pietro l'Albero di Natale donato alla Santa Sede dalla Regione Friuli Venezia Giulia 2018-12-06 VISITARE IL TEATRO VERDI, UN’ESPERIENZA DA NON PERDERE 2018-12-05 Venerdì 7 l'accensione in Piazza San Pietro dell'Albero di Natale offerto alla Santa Sede dalla Regione Fvg 2018-12-04 I sacerdoti devono tutelare il Presepio e il Cristianesimo: così gli esponenti del gruppo Centro Destra Veneto in Consiglio regionale 2018-12-03 Al Verdi la magia della Bella Addormentata di Pëtr Il'ič Čajkovskij 2018-12-01 Festeggiata a Ravascletto la Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia 2018-12-01 Chiarezza e programmazione per salvare l'Ospedale della Città di Cagliari 2018-12-01 Al via la gara per la cessione del 55% delle quote di Trieste Airport 2018-11-29 Cambio di guardia per la guida della Pattuglia Acrobatica Nazionale 2018-11-21 Grande Tagliamento: clamorosa operazione della Guardia di Finanza nel settore delle infrastrutture del Nord Est e di altre regioni 2018-11-20 Salvini esalta la "virtuosità" del Friuli Venezia Giulia 2018-11-13 I Puritani al Teatro Verdi di Trieste. Un nuovo allestimento 2018-11-13 CONFERITA IN MUNICIPIO LA CIVICA BENEMERENZA DELLA CITTÀ DI TRIESTE ALL'ASSOCIAZIONE DELLE COMUNITÀ ISTRIANE.
ADIGE TV: Home Cagliari Ricerca  
sul sito su
Verona
Vicenza
Venezia
Rovigo
Treviso
Padova
Udine
Cult
Pordenone
In Piazza
Trieste
Cagliari
Obiettivo Territorio

Estero
Budapest

Info



















Venerdì 3 Novembre 2017
Quale Eredità lascia La Settimana Sociale 2017

Quale Eredità lascia La Settimana Sociale tenutasi a Cagliari per l'edizione 2017.
48esima esperienza di riflessione su tematiche sociali, sul bene comune, sulla generatività verso il futuro.
L'edizione di tre anni fa aveva visto Torino protagonista, scegliendo come tema la famiglia, nucleo sofferente del nostro nuovo vivere, così poco tutelato e curato dalle politiche e dalle economie (“Famiglia, Speranza e futuro per la società italiana”, Torino 12-15 settembre 2013).
Quest'anno non poteva essere scelto un tema più “torturato” dei nostri tempi, IL LAVORO.
“Il lavoro che vogliamo: libero, creativo, partecipativo, solidale” , quello che si popone di dare un contributo all'intera società italiana per uscire dalla crisi.
Al centro “della tregiorni” le preoccupazioni: cosa può accadere a una società democratica e nelle nostre parrocchie quando diventa imbarazzante augurarsi “buon lavoro”, se il lavoro manca o non viene tutelato?
A Cagliari in questi giorni, a partire dalle domande che ci abitano, si è voluto aprire un interrogativo “a servizio” di quanti vogliono capire, comprendere e stare vicino a quanti soffrono dentro a questo tema.
L'obiettivo è stato quello di “aprire processi” dialogici che si impegnino a superare le difficoltà, e non a mettere ancora “la testa sotto terra”.
Ben si è espresso il pensiero della Chiesa che ha voluto dichiarare che ha sempre avuto a cuore “i lavoratori” più che “il lavoro”.
Dal 1891 ad oggi, da Leone XIII a Francesco, da quando si denunciava lo sfruttamento dei lavoratori dipendenti, fino ad ora, in cui si dichiara che “l'essere umano esprime e accresce la dignità della propria vita. Il giusto salario permette l'accesso adeguato agli altri beni (Evangelii Gaudium n. 192).
La stessa Costituzione italiana nell'art.1 e 4 presuppone l'inscindibile legame dell'identità e della dignità della persona, che deve andare oltre la concezione di lavoro e contro il Lavoro non protetto, non sicuro e non retribuito.
La conseguenza denunciata in questi giorni, se non si pone mano ad un cambio di visione verso il lavoro e verso il lavoratore, è il rischio di minare il patto intergenerazionale che ha fatto da colonna sociale sino ai nostri giorni.
Non è possibile guardare senza indignazione agli anziani privati di dignità e messi a carico dei giovani precari traballanti di certezze.
A ciò vanno aggiunte le terribili forme in cui il lavoro viene sfruttato e deturpato dall'illegalità.
Altra dimensione, la terza, è quella connessa alla differenza di genere che dilata la forbice delle differenze fra uomo e donna, dove la donna supera da anni i livelli di scolarità rispetto all'uomo, ma si vede ancora attribuire un salario inferiore di quello degli uomini a parità di mansione.
Quindi, di quale “lavoro degno” stiamo parlando?
Che risposte si possono dare ai giovani, alla “media generazione” privata di lavoro o malpagato, alle donne e alle famiglie?
Cagliari grida l'urgenza di offrire un nuovo scenario antropologico per rilanciare culturalmente il vero significato di Lavoro, in difesa degli aspetti relazionali, dei bisogni umani di riconoscimento e di dignità della persona-cittadino.
Tutti concordi nel definire che il lavoro umano è un'esperienza che include la realizzazione di sé e la fatica, il contratto e il dono di sé, attraverso la propria passione e creatività, vitalità, energia e tempo speso.
Tutto ciò nulla ha a che fare con il concetto di volontariato, in cui una persona può impegnarsi (o può scegliere di non impegnarsi) ad offrire un piccolo tempo per la cura degli altri, o dando un aiuto o un sostegno per l'altro.
Nel lavoro la differenza la fanno le persone, i volti, le voci.
La 48a settimana di Cagliari ha voluto parlare di persone, di vite concrete, di speranze e di delusioni delle persone.
Sembra incredibile che ancora oggi si fatichi a (o non si voglia) riconoscere che non c'è altra via per una crescita armonica di tutto il sistema: è il Lavoro, con la sua creatività e anche con la sua produttività riconosciuta e retribuita, la vera fonte di ricchezza di una comunità. Il pilastro su cui costruire, in un rapporto fecondo, le capacità di ogni singola persona e lo sviluppo economico e soprattutto sociale di noi.

Di Alessandra Carbognin
Giornalista inviata alla 48a Settimana Sociale
https://www.facebook.com/alessandracarbogninpage/
#illavorochevogliamo
fonte: www.settimanesociali.it



Commenti
Nome
Email
Commento
Altre notizie di Cagliari
Chiarezza e programmazione per salvare l'Ospedale della Città di Cagliari
Cagliari: La semplificazione "fa bene" ai cittadini
Piazza Costituzione rifiorisce
Il sud di Cagliari brucia
Nuovi corridoi ciclabili connettono la città
Un nuovo San Giovanni di Dio?
Cagliari sposa l'amore
Cagliari "mobilità" OK
ASCENSORI NUOVI PER I SALISCENDI CITTADINI
App con il Comune di Cagliari
Anche Cagliari e la Sardegna il 2017 la consacra...
Identity Card elettronica anche per Cagliari
Is Mirrionis Zone: riqualifica meritata!
MISTERO sul DNA sardo
Proroga dei termini per le manifestazioni di interesse del progetto Vita indipendente
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Mauro71
Guarda tutti

Pubblicità
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up



 
 
© Editrice Verona Autorizzazione Tribunale di Verona n. 1566 del 11.11.03