Pubblicità

Mercoledì 17 Gennaio 2018    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
Obiettivo Territorio
2018-01-16 Lettera aperta indirizzata dal presidente di ATV Massimo Bettarello al presidente della provincia Antonio Pastorello 2018-01-16 POLATO & CROCE : NUOVA TELECAMERA AI GIARDINI DI VIA CESARE ABBA 2018-01-16 Assessore al Decentramento Marco Padovani - Mostra fotografica "Verona in Cantiere" 2018-01-16 Al via "GenerAzioni", servizi in rete per assistere a casa anziani e non autosufficienti 2018-01-16 PER LA PRIMA VOLTA INSIEME STUDENTI ARMENI E CILENI. ASS. BRIANI. “SIATE SEMPRE CURIOSI, ANCHE NEI CONFRONTI DELLA POLITICA” 2018-01-15 Arena Opera Festival 2018 2018-01-15 Saldi invernali 2018 2018-01-15 Evento "Winter music night" con protagonisti i gruppi musicali di Udine 2018-01-15 Progetto "Padova, partecipa!" 2018-01-12 L'APERITIVO CON L'ARTE SABATO 13 GENNAIO 2018 - GIOVEDÌ 13 DICEMBRE 2018 2018-01-12 Festa del Beato Odorico 2018-01-12 Museo Grandi Fiumi 2018-01-12 Le iniziative per il Giorno della Memoria 2018 2018-01-12 Contributi per i cittadini, riapre il bando per la sostituzione delle caldaie di casa 2018-01-12 VERDE PUBBLICO: interventi settimanali di potature alberi
ADIGE TV: Home Obiettivo Territorio Ricerca  
sul sito su
Verona
Vicenza
Venezia
Rovigo
Treviso
Padova
Udine
Cult
Pordenone
In Piazza
Trieste
Cagliari
Obiettivo Territorio

Estero
Budapest

Info Obiettivo Territorio
















Venerdì 15 Dicembre 2017
GRUPPO HERA: SALE ALL'80% IL CONTROLLO DI ALIPLAST

Herambiente ha perfezionato oggi l’acquisto dell’ulteriore 40% delle azioni dell’azienda trevigiana, eccellenza nazionale nel riciclo della plastica, con conseguente cambio della governance. Il restante 20% delle azioni, come previsto dall’accordo siglato nel gennaio scorso, sarà rilevato entro giugno 2022.

È stato perfezionato oggi a Bologna l’acquisto da parte di Herambiente, società del Gruppo Hera leader in Italia nel trattamento e recupero dei rifiuti, di un ulteriore 40% delle azioni di Aliplast, primaria realtà nazionale nella raccolta e riciclo della plastica e conseguente rigenerazione.

Con questa operazione, che fa seguito al primo passaggio effettuato il 3 aprile 2017, la quota azionaria di Aliplast detenuta dal Gruppo Hera sale all’80%. Come previsto dall’accordo vincolante firmato dalle parti a gennaio, il restante 20% delle azioni sarà rilevato entro giugno 2022.

L’importo versato da Herambiente per l’acquisto dell’ulteriore 40% di Aliplast è pari a 51,8 milioni di euro, comprensivi del contributo incassato quale impresa energivora e della componente di earn-out per aver raggiunto puntuali risultati incrementali a livello di margine operativo lordo nel 2016. L’acquisto è avvenuto mediante l’utilizzo di risorse proprie.

Poiché la maggioranza azionaria è ora detenuta dal Gruppo Hera, è stata modificata la governance di Aliplast.
In particolare, l’Assemblea dei Soci di Aliplast, riunitasi subito dopo il perfezionamento dell’acquisto dell’ulteriore 40% da parte di Herambiente, ha deliberato un ampliamento del Consiglio di Amministrazione da cinque a sette componenti, quattro di emanazione del Gruppo Hera e tre di Aligroup. Il nuovo CdA così composto, nella prima seduta che ha avuto luogo sempre in data odierna, ha nominato Carlo Andriolo e Roberto Alibardi, rispettivamente, Amministratore Delegato e Presidente della società.

Con l’acquisizione di Aliplast, che si va ad aggiungere alle operazioni complementari concluse nel 2015 e nel 2017 con la trevigiana Geo Nova e le toscane Waste Recycling e Teseco, il Gruppo Hera ha così consolidato la propria presenza sul mercato con un elemento distintivo, unico e concretamente in linea con i principi dell’economia circolare. Un elemento che permette di offrire ai clienti soluzioni affidabili e sempre più integrate, in grado di far completare e chiudere il virtuale cerchio della sostenibilità: dal ritiro e trattamento dei rifiuti plastici derivanti dagli scarti e dagli sfridi di produzione, fino alla rigenerazione di nuovi prodotti.

Proprio per le sue specificità, Aliplast è stato uno degli elementi qualificanti per l’ammissione del Gruppo Hera nel programma internazionale CE100 della Fondazione Ellen MacArthur, che coinvolge le principali 100 aziende al mondo capaci di distinguersi per l’impegno nella transizione verso un’economia circolare.

Fondata nel 1982 da Roberto Alibardi, con sede principale a Ospedaletto di Istrana (Treviso), Aliplast è un’eccellenza nazionale nella raccolta di rifiuti industriali plastici e nel riciclo e produzione di polimeri rigenerati, con circa 80.000 tonnellate di materie plastiche riciclate ogni anno. È stata la prima azienda in Italia a raggiungere la piena integrazione lungo tutto il ciclo di vita della plastica: dai servizi ambientali di gestione e raccolta di imballaggi e scarti industriali fino alla produzione e vendita sul mercato di manufatti e materiali da imballaggio, prodotti in plastica riciclata in proprio. In Aliplast lavorano circa 350 dipendenti, attivi nei cinque stabilimenti italiani e nei tre all’estero (Spagna, Francia e Polonia).

“Proseguiamo nel percorso tracciato di acquisizione della società – è il commento del Presidente Esecutivo del Gruppo Hera, Tomaso Tommasi di Vignano –. Un’operazione che ha già prodotto risultati e sinergie importanti sul piano industriale consentendo di integrare e arricchire le attività del settore ambientale con know-how e professionalità uniche nel loro genere nel panorama europeo. Questo secondo step di acquisizione va nella direzione di crescere ulteriormente per continuare ad affrontare e vincere insieme, a beneficio del Gruppo e dei territori serviti, le sfide della sostenibilità e dell’innovazione.”

“Far parte di una società così grande e ben radicata nel territorio, solida finanziariamente e con specializzazioni ampie e diversificate come il Gruppo Hera – ha spiegato il Presidente di Aliplast, Roberto Alibardi – ci permette, ogni giorno di più, di allargare i nostri orizzonti e fornisce ulteriore tranquillità per continuare a sviluppare le nostre competenze attraverso un maggiore impulso alle attività di ricerca e di innovazione tecnologica. È in questa direzione che operiamo quotidianamente, così come allo stesso tempo siamo impegnati nel favorire il processo di integrazione e a portare le nostre competenze di un settore complesso come quello delle plastiche, perseguendo gli obiettivi industriali fissati in maniera congiunta e puntando a nuovi traguardi sempre più sfidanti”.



Commenti
Nome
Email
Commento
Altre notizie di Obiettivo Territorio
PEDAGGI INVARIATI PER LE AUTO SULLE AUTOSTRADE CAV SU PASSANTE E A57 AUMENTI MINIMI SOLO PER I MEZZI PESANTI
Il traffico in autostrada: le previsioni dal 1 al 7 gennaio 2018 di Autovie Venete per la A4
Obiettivo Territorio
PORTOGRUARO - NUOVA CONCESSIONE MENSA SCOLASTICA AFFIDATA ALLA GEMEAZ ELIOR SPA
Coopstartup FVG
ILLUSTRATI ALL’INTERPORTO DI PORDENONE GLI OBIETTIVI DELL’AGENZIA INVESTIMENTI FVG
ILLUSTRATI ALL’INTERPORTO DI PORDENONE GLI OBIETTIVI DELL’AGENZIA INVESTIMENTI FVG
FIRMATA INTESA PER LA MESSA IN SICUREZZA DEI BENI CULTURALI DI VENEZIA E PROVINCIA. ASSESSORE CORAZZARI: “UN MODELLO OPERATIVO DA ESTENDERE A TUTTO IL VENETO”
PUNTO NASCITE DI PORTOGRUARO: QUESTA MATTINA FESTEGGIATO IL 100° NATO
LE PREVISIONI DI AUTOVIE VENETE PER IL TRAFFICO SULLA VENEZIA - TRIESTE DA GIOVEDÌ 7 A DOMENICA 10
CORSO DI LAUREA IN INFERMIRISTICA DELL’UNIVERSITA’ DI PADOVA - SEDE DI PORTOGRUARO: DOMANI SI INAUGURA L’ANNO ACCADEMICO 2017/2018 69 I NUOVI IMMATRICOLATI, SONO 168 GLI ISCRITTI NELL’ULTIMO TRIENNIO
RADIOLOGIA DELL’ULSS4: 26 RADIOLOGI, RINNOVO DELLE ATTREZZATURE, RECORD DI PRESTAZIONI E NEL 2018 NOVE ATTIVITA’ PER LO STUDIO DEL CUORE E DEI VASI PERIFERICI
A4: Serracchiani, lavori terza corsia più celeri del previsto
IL CDA DI AUTOVIE VENETE FA IL PUNTO SUI LAVORI DELLA TERZA CORSIA
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Mauro71
Guarda tutti

Pubblicità
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up



 
 
© Editrice Verona Autorizzazione Tribunale di Verona n. 1566 del 11.11.03