Pubblicità

Lunedì 17 Giugno 2019    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
Trieste Sette
2019-06-16 Streghe 2019-06-15 Bus Tour Lago-Valpolicella 2019-06-15 Presentazione del catalogo "Treasure Rooms" di Mauro Fiorese a Verona. Invito 2019-06-15 Visita dell'Ambasciatore di Giordania presso il Consorzio Zai Interporto Quadrante Europa 2019-06-14 Moonlight Lessinia - Lessinia al chiaro di luna 2019-06-13 VeronAllegra 2019-06-11 TEATRO NEI CORTILI 2019: DAL 15 GIUGNO RASSEGNA CON OLTRE 200 SPETTACOLI 2019-06-11 ‘700 VENEZIANO Opere dalla Collezione Gallo Fine Art 2019-06-10 Manzù Messina Perez: tre grandi Maestri della scultura protagonisti a Jesolo 2019-06-06 FILOVIA, sopralluogo cantiere e percorso 2019-06-05 Tinna Nielsen per Segnavie 2019-06-05 Il '700 veneziano apre la Biblioteca Antoniana 2019-06-02 Carapaz trionfa a Verona, è suo il Giro d'Italia 2019 2019-06-02 A Silvia Nicolis il Premio Giulietta 2019. 2019-06-02 A Silvia Nicolis il Premio Giulietta 2019.
ADIGE TV: Home Trieste Sette Ricerca  
sul sito su
Verona
Vicenza
Venezia
Rovigo
Treviso
Padova
Udine
Cult
Pordenone
In Piazza
Trieste
Cagliari
Obiettivo Territorio

Estero
Budapest

Info



















Martedì 13 Novembre 2018
I Puritani al Teatro Verdi di Trieste. Un nuovo allestimento

Inizierà venerdì 16 novembre la nuova stagione del teatro lirico Verdi di Trieste. Sul palcoscenico andranno i “I Puritani” di Vincenzo Bellini, un’opera d’avanguardia per il suo tempo, testamento di ampio respiro romantico, ricca di spunti avveniristici affidati spesso all’orchestra, con soli di ampia importanza e soli strumentali in cui vengono evocati gli ideali risorgimentali come nel testo “libertà, vittoria, patria”.
I Puritani è l’espressione più alta del cosiddetto Belcanto italiano che diventa un assunto di puro canto infinito.
Si tratta di un nuovo allestimento della Fondazione tergestina che afferma ancora una volta la grande vitalità produttiva del Teatro Verdi. Nel corso della presentazione il Sovrintendente Stefano Pace ha dichiarato che si tratta di “Un importante progetto che ne coinvolge tutte le forze vive, Orchestra, Coro, Tecnici e Amministrativi. La regia a quattro mani e con due spiriti guida uniti per la prima volta insieme, sotto la sapiente conduzione del Maestro Carminati sapranno esprimere al meglio le due sfere, quella teatrale e quella della grandiosa musica belliniana: grazie a Katia Ricciarelli, artista straordinaria, che ha calcato i più importanti palcoscenici del mondo collaborando con tutti i grandi, e a Davide Garattini Raimondi, esperto e confermato regista d'opera, che stanno dando vita a una regia elegante e rispettosa delle tradizioni, nelle scenografie firmate da Paolo Vitale, realizzate grazie alle eccellenti competenze degli addetti ai laboratori scenografici della Fondazione, con i costumi di Giada Masi”.
Nella versione triestina dei Puritani il maestro Carminati ho voluto inserire nell’opera due specifici momenti musicali non previsti dalla versione “cosiddetta tradizionale”. Il primo è il duetto del terzo atto “Da quel dì ch’io ti mirai” e il secondo è nella stretta finale dell’atto terzo con una variazione di Elvira “Ah sento o mio bell’angelo”,
Questi due frammenti musicali sono stati estrapolati dalla partitura manoscritta de I Puritani conservata alla Biblioteca Cherubini di Firenze, nel Fondo Abramo Basevi.
Con questo allestimento si è voluto un omaggio al raffinato pubblico del Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste e alla città tutta che rende così più reale l’intero melodramma.
I Puritani che venne commissionata a Vincenzo Bellini, durante un soggiorno nella capitale francese, dal Théâtre Italien, fu rappresentata con un cast di celebrità e fu accolta trionfalmente.
Per la rappresentazione a Trieste, si è ingaggiato un cast altrettanto importante: fra gli interpreti principali, Elena Moşuc e Ruth Iniesta, Antonino Siragusa e Shalva Mukeria, Mario Cassi e Stephen Gaertner, Alexey Birkus e Abramo Rosalen, Albane Carrère, Andrea Binetti, Giuliano Pelizon.

Mauro Bonato




Commenti
Nome
Email
Commento
Altre notizie di Trieste
Andrea Chénier una grande storia d'amore
Andrea Chénier di Umberto Giordano. Un nuovo allestimento
Nikša Bareza, un grande maestro per la Butterfly al lirico di Trieste
IL TEATRO VERDI NON FINISCE DI STUPIRCI. SUL PALCO UNA NUOVA PRODUZIONE DI MADAMA BUTTERFLY
L’ELISIR D’AMORE VISTO DA BOTERO
BOTERO PROPONE L’ELISIR D’AMORE DI DONIZZETTI AL TEATRO LIRICO GIUSEPPE VERDI DI TRIESTE
IL PRINCIPE IGOR’, IN SCENA A TRIESTE DOPO TRENTASEI ANNI
NABUCCO VA IN SCENA AL TEATRO LIRICO DI TRIESTE
VISITARE IL TEATRO VERDI, UN’ESPERIENZA DA NON PERDERE
Al Verdi la magia della Bella Addormentata di Pëtr Il'ič Čajkovskij
Isonzo, le dodici battaglie
PARTY CON L'EUROPA. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO GREEN, ACTIVE
CONFERITA IN MUNICIPIO LA CIVICA BENEMERENZA DELLA CITTÀ DI TRIESTE ALL'ASSOCIAZIONE DELLE COMUNITÀ ISTRIANE.
Al teatro Verdi di Trieste va in scena “Lucia di Lammermoor”
Trieste: accordo di cooperazione internazionale per il Teatro Verdi
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Mauro71
Guarda tutti

Pubblicità
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up



 
 
© Editrice Verona Autorizzazione Tribunale di Verona n. 1566 del 11.11.03