Pubblicità

Venerdì 22 Febbraio 2019    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
Obiettivo Territorio
2019-02-15 WEEKEND AL RISTORI 2019-02-15 NUOVO CDA ALLE FUNIVIE DI MALCESINE 2019-02-10 "Non ci sono morti di serie A e vittime di serie B": così Matteo Salvini alla Foiba di Basovizza per il Giorno del Ricordo 2019-02-08 Anche Salvini e Tajani domenica alla Foiba di Basovizza per le celebrazioni della Giornata del Ricordo 2019-02-05 IL PRINCIPE IGOR’, IN SCENA A TRIESTE DOPO TRENTASEI ANNI 2019-02-04 All'Area Exp di Cerea è in arrivo l'irresistibile comicità di Angelo 2019-01-31 BARINI CONSGNA CONTRIBUTO PER LO SPORT 2019-01-31 AMT SOSTIENE LO SPORT E I GIOVANI 2019-01-29 MANARA : ADRIAN NON L HO " ANIMATO " IO !! 2019-01-29 CELENTANO CANTA AL CAMPLOY 2019-01-28 MOBILITY DAY PROSSIMO 2019-01-28 GRAN GUARDIA : RICORDO SHOAH 2019-01-28 PRESO RUMENO RICERCATO DA 3 ANNI 2019-01-23 Traffico pesante in aumento sulla rete di Autovie Venete con calo dei veicoli leggeri 2019-01-13 Soddisfazione anche a NordEst per l'arresto in Bolivia di Cesare Battisti
ADIGE TV: Home Obiettivo Territorio Ricerca  
sul sito su
Verona
Vicenza
Venezia
Rovigo
Treviso
Padova
Udine
Cult
Pordenone
In Piazza
Trieste
Cagliari
Obiettivo Territorio

Estero
Budapest

Info



















Venerdì 8 Febbraio 2019
Anche Salvini e Tajani domenica alla Foiba di Basovizza per le celebrazioni della Giornata del Ricordo

Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini e il Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani saranno presenti domenica 10 febbraio all'annuale Cerimonia solenne che si terrà alle 10.30 alla Foiba di Basovizza, sul Carso Triestino, evento centrale di un ampio programma di manifestazioni e iniziative, culturali e di approfondimento, organizzato dal Comune di Trieste e dal Comitato per i Martiri delle Foibe in occasione del Giorno del Ricordo, ricorrenza fissata appunto al 10 Febbraio (data in cui, nel 1947, fu firmato il Trattato di Pace di Parigi che, tra l'altro, assegnava alla Jugoslavia l'Istria, il Quarnaro e gran parte della Venezia Giulia) e istituita nel 2004 con apposita legge dello Stato (L. 30 marzo 2004, n. 92) per ricordare le vittime delle foibe, l'esodo giuliano-dalmata e le drammatiche vicende del confine orientale negli anni a cavallo del secondo dopoguerra.

L'annuncio è stato dato in occasione della presentazione deii contenuti di questa edizione 2019 del Giorno del Ricordo, dall'Assessore comunale di Trieste Angela Brandi, dal presidente del Comitato per i Martiri delle Foibe Paolo Sardos Albertini e dai rappresentanti delle associazioni e sodalizi curatori delle numerose iniziative collaterali collegate alla celebrazione principale.

L 'Assessore Brandi, nel portare i saluti del Sindaco Dipiazza e dell'Assessore alla Cultura Giorgio Rossi , ha sottolineato l'estrema importanza del Giorno del Ricordo e della legge che lo istituì, “poichè – ha detto - finalmente oggi, a ormai 15 anni dalla sua approvazione, possiamoriscontrare come, grazie a questo provvedimento e alle tante iniziative che ne sono derivate, i drammi di queste nostre terre non sono più solo un ricordo privato dei pochi esuli sopravvissuti e dei loro familiari ma un patrimonio di conoscenza per un ben più ampio numero di persone, via via sempre più noto, nell'intero Paese. E ciò nonostante – ha stigmatizzato – la diffusione di alcune tesi negazioniste sostenute da alcuni che ha definito “sedicenti storici”.

“Un patrimonio storico e ideale – ha detto ancora Angela Brandi – rispetto al quale Trieste si pone e rimane come la “città simbolo” di tutta un'intera complessa e tormentata vicenda, con i ricordi da conservare e con le esperienze e testimonianze da tramandare. E ciò in particolare verso i nostri giovani, verso tutti i giovani italiani, ai quali è doveroso trasmettere il senso dell'immane tragedia che questa parte d'Italia ha vissuto con le Foibe e con l'Esodo dall'Adriatico orientale”.

“Anche in questo senso – ha rimarcato l'assessore, anche nella sua qualità di assessore all'Educazione – anche quest'anno la presenza dei giovani alla Cerimonia di Basovizza sarà numerosa e significativa, ancora una volta grazie al progetto di “trasmissione della memoria” di questi eventi rivolto alle generazioni più recenti e denominato “Le tracce del Ricordo”, ideato dallo stesso Comune e dalla Lega Nazionale di Trieste. Progetto al quale hanno aderito scuole di ben sette città italiane da fuori Regione (da Mazzarino-Caltanissetta a Como, Orvieto, Brescia, Verona, Pisa, Lecce) oltre alle “corregionali” Udine, Sacile-Brugnera e Spilimbergo e alle triestine “Petrarca”, “De Marchesetti” e “Ivo Gruden” di lingua slovena. Il tutto con la presenza di centinaia di studenti che assisteranno alla cerimonia con i loro docenti e dirigenti scolastici.

Particolarmente significativo è stato quindi l'intervento del presidente del Comitato per i Martiri delle Foibe e della Lega Nazionale Paolo Sardos Albertini che, proprio replicando alle tesi “negazioniste” secondo le quali le violenze da parte jugoslava potrebbero al massimo venir considerate come una risposta al fascismo italiano, ha sottolineato come “le vittime del titoismo, gettate nelle foibe e in altri siti del territorio dell'ex Jugoslavia, non furono in effetti solo italiane ma, e in gran numero, anche slovene (fino a 150 mila) e croate (800 mila), a testimoniare che in realtà si trattò di un più ampio progetto di trasformazione dell'intera società, in chiave comunista, attraverso una vasta repressione ed eliminazione di tutti i dissidenti e refrattari, di qualunque livello sociale e nazionalità.”

Anche per questo Sardos Albertini ha definito “Basovizza, fulcro del 10 Febbraio, simbolo di tutti gli infoibati, anche in tutti gli altri siti, e di tutte le nazionalità, ponendosi in tal senso come il memoriale di una vicenda sì locale e nazionale ma anche, più ampiamente, europea”.



Commenti
Nome
Email
Commento
Altre notizie di Obiettivo Territorio
"Non ci sono morti di serie A e vittime di serie B": così Matteo Salvini alla Foiba di Basovizza per il Giorno del Ricordo
Traffico pesante in aumento sulla rete di Autovie Venete con calo dei veicoli leggeri
Soddisfazione anche a NordEst per l'arresto in Bolivia di Cesare Battisti
Friuli Venezia Giulia, per il 2019 arrivano 142 milioni in più nel patto tra Stato e Regione
Niente aumenti per i pedaggi di Autovie e della Brescia-Padova mentre aumentano per il Passante di Mestre e i tratti della Cav
Il governatore del Fvg Massimiliano Fedriga annuncia nella conferenza stampa di fine anno l'apertura di un tavolo con il Governo per rivedere gli accordi in materia di autonomia
Autovie Venete, il percorso per il subentro nella concessione della newco va avanti
Aperto il primo dei due nuovi viadotti sul Tagliamento lungo la Trieste - Venezia
Prorogato fino ad aprile 2019 il CdA uscente di Autovie Venete con Maurizio Castagna Presidente e Ad
Acceso in Piazza San Pietro l'Albero di Natale donato alla Santa Sede dalla Regione Friuli Venezia Giulia
Venerdì 7 l'accensione in Piazza San Pietro dell'Albero di Natale offerto alla Santa Sede dalla Regione Fvg
I sacerdoti devono tutelare il Presepio e il Cristianesimo: così gli esponenti del gruppo Centro Destra Veneto in Consiglio regionale
Al via la gara per la cessione del 55% delle quote di Trieste Airport
Festeggiata a Ravascletto la Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia
Cambio di guardia per la guida della Pattuglia Acrobatica Nazionale
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Mauro71
Guarda tutti

Pubblicità
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up



 
 
© Editrice Verona Autorizzazione Tribunale di Verona n. 1566 del 11.11.03