Pubblicità

Martedì 18 Febbraio 2020    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
2020-02-17 Alla Fondazione Benetton le "Giornate internazionali di studio sul paesaggio 2020-02-17 Comunicato OPERA Filovia - IMPORTANTE aggiornamento cantieri 2020-02-17 SPACCIAVANO EROINA SUI BASTIONI, ARRESTATI DUE VENTENNI GRAZIE AL FIUTO DI PICO 2020-02-17 Villaggio del Carnevale 2020-02-17 PASSAGGI PEDONALI A RISCHIO. PARTE LA SICUREZZA CON ILLUMINAZIONE A LED 2020-02-17 Vacanze in campeggio per famiglie con minori - primavera 2020 2020-02-15 DOMENICA SFILATA DI CARNEVALE AD AVESA. IL PERCORSO DEL CORTEO 2020-02-15 POLIZIA LOCALE. QUATTRO INCIDENTI NELLA NOTTE, UNO CON FUGA DELL’AUTO COINVOLTA 2020-02-13 NUOVI 31 MEZZI PER LA POLIZIA LOCALE. SINDACO: “PER LA SICUREZZA SERVONO INVESTIMENTI, RESTA UNA PRIORITA’” 2020-02-13 THE LUMINEERS - ARENA DI VERONA 2020-02-13 A Rovigo la Quercia di Dante e altre Visioni. 2020-02-12 COME CONVIVERE E GESTIRE UN ANIMALE DOMESTICO. INCONTRI CON ESPERTI NEI QUARTIERI 2020-02-12 Provvedimenti viabilistici Gensan Giulietta&Romeo Half Marathon 2020-02-12 VARIAZIONE ORARI DI APERTURA DELLA CASA DI GIULIETTA A FEBBRAIO 2020-02-12 Domenica 16 febbraio dalle ore 20
ADIGE TV: Home Ricerca  
sul sito su


Curiosità

Fondata dai Paleoveneti, municipium romano nel 49 AC, aderì al governo della Serenissima (Venezia) nel 1404 sotto il quale raggiunse grande splendore.

Nel 1848 partecipò alla Repubblica Veneta contro lo straniero asburgico ed il coraggio patriottico dimostrato in quell'occasione, valse a Vicenza, dopo l'Unità, la Medaglia d'Oro direttamente da Re Vittorio Emanuele.

Vicenza è la città del Palladio. Architetto del rinascimento fra i più illustri, nacque a Padova, lavorò in tutto il Veneto, ma unì indissolubilmente il proprio nome a Vicenza, con delle opere, irraggiungibili, compendio del suo stile. Palladio è stato anche un campione del marketing ante litteram: i suoi saggi architettonici ottennero una notevole popolarità tanto da influenzare curiosamente l'architettura inglese del settecento (Inigo Jones e Christopher Wren) e di converso quella americana.

La Basilica, capolavoro del Palladio nel centro della città, non era anticamente adibita ad usi religiosi. La torre attigua fu il primo orologio meccanico della città nel 1378.

E' ancora oggi possibile vedere le scene (le Baccanti di Euripide) disegnate da Scamozzi intatte presso il Teatro Olimpico, ultima opera del Palladio (anche se terminata dal suo erede vicentino). Il clima controriformista, impostosi in città dopo il Concilio di Trento, portò al divieto degli spettacoli teatrali. L'Olimpico, dunque, si limitò a funzionare fino alla fine della seconda guerra mondiale come semplice stanza di rappresentanza.

Santa Corona venne costruita per conservare le reliquie delle Spine della Corona di Cristo, regalo del re di Francia Luigi IX e portate a Vicenza dal vescovo Bartolomeo Breganze nel 1259. Qui c'è la tomba di Luigi Da Porto, autore della novella Giulietta e Romeo, dalla quale Shakespeare trasse ispirazione per il suo celeberrimo dramma.

La bella Loggia del Capitaniato era la sede del Capitanio, rappresentante del governo della Serenissima in città.

La casa in fondo alla Piazza delle Erbe era la dimora di Antonio Pigafetta, il cronista del viaggio intorno al mondo dell'esploratore portoghese Magellano. Delle tre navi di Magellano ne tornò solo una e Pigafetta fu uno dei pochi superstiti: di tutto l'equipaggio fecero ritorno dal viaggio solo in diciotto!

Nella Basilica di San Felice Fortunato si custodiscono le reliquie di San Felice ed è oggetto di devozione popolare una pala d'altare che raffigura San Valentino. La chiesa, antichissima, fu visitata anche da Carlo Magno.

La bella Torre del Tormento era anticamente luogo di prigionia. Qui fu detenuto anche il patriota risorgimentale Silvio Pellico, prima di essere internato allo Spielberg.

Vicenza gastronomicamente ha dato i natali ad alcune prelibatezze, diffusesi anche su scala sovraregionale, in barba al fatto che fra le cucine venete, quella vicentina, fosse la più povera. Fra i piatti più noti ricordiamo il Baccalà alla Vicentina, Risi e bisi e la Mostarda Vicentina, fatta con frutta mista e senape bianca pestata (laddove quella di Cremona prevede la frutta a pezzi); ed ancora la Soppressata Vicentina (ormai DOP) e l'Oca in Onto, tipica dei Colli Berici.
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Mauro71
Guarda tutti

Pubblicità
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up



 
 
© Editrice Verona Autorizzazione Tribunale di Verona n. 1566 del 11.11.03