Pubblicità

Sabato 21 Luglio 2018    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
Treviso Sette
2018-07-21 Vaccinazioni obbligatorie: nel Veneto Orientale il numero più basso di inandempienti 2018-07-20 Olimpiadi 2026, Luca Zaia: "Cortina la meno costosa" 2018-07-20 Lectio magistralis il 21 settembre a Pordenonelegge di Paolo Mieli su Oriana Fallaci 2018-07-17 Consumo del suolo, Corazzari: "La Regione Veneto ha già detto stop alla cementificazione" 2018-07-17 Sicurezza sul lavoro: la Regione Veneto vara il piano strategico 2018 - 2020 2018-07-17 2018-07-17 Mozione di Mara Piccin (FI) in FVG per le Camere di Commercio 2018-07-16 Piero Mauro Zanin di Forza Italia nuovo presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia 2018-07-15 Terza corsia sulla A4, riaperto stamane alle 7 il tratto chiuso per consentire interventi di demolizioni e scavi 2018-07-13 Riccardi: "I servizi sanitari a Sappada saranno garantiti anche durante il periodo di transizione" 2018-07-13 Iniziativa della Regione Veneto per contrastare la patologia del gioco d'azzardo 2018-07-13 Il sud di Cagliari brucia 2018-07-13 Sicuri sotto il sole: progetto di prevenzione e cura della pelle rivolto ai turisti delle spiagge presentato in Regione Veneto 2018-07-13 Luca Zaia invia al Ministro Erika Stefani la proposta di legge delega su 23 materie per l'autonomia 2018-07-13 Punto nascite a Latisana: la consigliera regionale della Lega Maddalena Spagnolo attacca il Pd
ADIGE TV: Home Treviso Sette Ricerca  
sul sito su
Verona
Vicenza
Venezia
Rovigo
Treviso
Padova
Udine
Cult
Pordenone
In Piazza
Trieste
Cagliari
Obiettivo Territorio

Estero
Budapest

Info
















Giovedì 30 Novembre 2017
Illustri persuasioni. Tra le due guerre

Il nuovo Museo Nazionale della Collezione Salce svela una seconda, importante tranche dei suoi quasi 50 mila pezzi: dal 14 ottobre al 14 gennaio prossimi, saranno esposte un centinaio di magnifiche testimonianze dell'arte pubblicitaria tra la prima e la seconda guerra mondiale, dal 1920 al 1940.

Sono manifesti che declinano una stagione distinta, spesso nettamente, dalla precedente del Liberty (oggetto della precedente esposizione al Museo Salce).

Non a caso, in questa mostra, il focus è posto sugli autori dei manifesti. Riconoscendo loro il ruolo e la virtuosità di abili "persuasori". I loro sono anni in cui la "propaganda" assume un ruolo ufficiale e nella grafica raggiunge livelli di straordinaria eccellenza. Sono i decenni in cui nel vecchio Continente, ma non solo, si affinano gli strumenti della "comunicazione di massa".

Sono anni in cui anche i grandi geni già affermati, come Leonetto Cappiello e Marcello Dudovich, sperimentano la tenuta delle loro idee comunicative attraverso un linguaggio più volumetrico e incisivo, continuando ad inventare personaggi indimenticabili come il folletto nella buccia d'arancia per Campari o l'elegante donna in blu per la Fiat Balilla. E sulla loro scia si muovono nuove stelle, come il francese Achille Luciano Mauzan, sempre pronto all'ironia più esuberante.

In altri autori, che si affacciano ora al mondo della grafica pubblicitaria, i volumi e le geometrie riconducono più chiaramente ai paralleli percorsi della pittura, tra cubismo e futurismo: le splendide nature morte di Marcello Nizzoli per il Campari o per il Vov; le marionette ironiche di Fortunato Depero di Enrico Prampolini e di Bruno Munari; le figure "solidificate" di Lucio Venna, di Giuseppe Riccobaldi del Bava e del novecentista Mario Sironi, grande anche nella grafica; le donne raffinatissime di Franz Lenhart, memori di quelle di Tamara de Lempicka.

Anche il mondo più discreto e "minore" dell'illustrazione suggestiona gli autori pubblicitari, esprimendo con estrema raffinatezza le prerogative più coerenti dell'Art déco: straordinarie e inedite sono in tal senso le prove giovanili di Erberto Carboni, tra cui spiccano per felicità inventiva, quasi fiabesca, quelle per la O.P.S.O. di Parma.

Ma è lo stesso Carboni, qualche anno più tardi, a sviluppare un altro sorprendente e nuovissimo rapporto: quello tra la grafica pubblicitaria e la fotografia, che entra con vigore nei manifesti fin dagli anni '30. Giaci Mondaini è tra coloro che ne faranno ampio uso, anche con immagini della piccola figlia Sandra; e così il geniale Xanti Schawinsky, che porterà in Italia le ricerche del Bauhaus.

Atmosfere fotografiche e cinematografiche sono implicite anche nell?imponente lavoro di Gino Boccasile, quello delle "signorine grandi firme".

"Le sue donne sensuali dai sorrisi smaglianti sono" afferma Marta Mazza - cifra identificativa di un'epoca mai esuberantemente ottimista come la precedente ma capace di messaggi seduttivi formulati con forza e con una consapevolezza linguistica totalmente nuova".



Commenti
Nome
Email
Commento
Altre notizie di Treviso
Cerimonia di conferimento civiche benemerenze Città di Treviso – 5 febbraio 2018 ore 18.00 Teatro comunale
PALAZZO TRECENTO
Musica in Museo. Recital di cembalo al Museo Bailo
FRANCESCO PIAZZA SEGNO E COLORE
XIV GIORNATA NAZIONALE DEL TREKKING URBANO
Sotto il segno dell'arte. Una nuova linea di viaggi
AAA VENDESI PALAZZO SIGNORILE SU TRE PIANI A PREZZO DI UN APPARTAMENTO
MEDICI E INFERMIERI RINGRAZIANO I PAZIENTI
I VALORI DELLA GENUINITA’ NEL NUOVO PACKAGING DELLA LINEA VP VITICOLTORI PONTE
L’AZIENDA LAZZARIS CELEBRA I SUOI 110 ANNI DI VITA CON UN CONCORSO A PREMI RIVOLTO A TUTTI I
Corona contro Lele Mora: mai stato gay
230mila euro nascosti in macchina Straniero arrestato per riciclaggio
Norma salva-camicie verdi La Difesa «accusa» Calderoli
I tifosi a Rooney: "Sei un uomo morto"
Rooney, tanto rumore per nulla
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Mauro71
Guarda tutti

Pubblicità
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up



 
 
© Editrice Verona Autorizzazione Tribunale di Verona n. 1566 del 11.11.03