Pubblicità

Mercoledì 23 Agosto 2017    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
Pordenone Sette News
2017-08-17 Un ponte Monaco-Sardegna con Air Dolomiti 2017-08-02 VERONA SETTE 2017-08-02 VERONA SETTE 2017-08-02 VERONA SETTE 2017-08-02 VERONA SETTE 2017-08-02 VERONA SETTE 2017-08-02 CONSORZIO ZAI : AUMENTO DEL FATTURATO & BILANCIO POSITIVO 2017-07-01 L’ESTATE TEATRALE VERONESE PARTE ALLA GRANDE CON LE 12.000 PRESENZE DI RUMORS E VERONA JAZZ 2017-06-28 Sboarina debutta: «Insieme faremo grande Verona» 2017-06-26 Verona, il centrodestra trionfa di nuovo: Sboarina eletto successore di Tosi 2017-06-19 Aperti i cantieri di Agsm e Acque Veronesi in via Mameli. Al via i lavori stradali programmati durante l’estate per potenziare i sottoservizi della città. 2017-06-15 Concerto di Robbie Williams a Verona 2017-06-14 AMIA: interventi settimanali di potatura alberi dal 12 al 18 giugno 2017 2017-05-18 Wind Music Awards all’Arena a Verona 2017-05-18 Il Volo all’Arena di Verona
ADIGE TV: Home Pordenone Sette News Ricerca  
sul sito su
Verona
Vicenza
Venezia
Rovigo
Trento
Treviso
Padova
Udine
Cult
Pordenone
In Piazza
Trieste
Cagliari

Estero
Budapest

Info Pordenone
















Giovedì 22 Marzo 2012
80 anni fa (1932) moriva Errico Malatesta, l’anarchico rivoluzionario più temuto da tutti i governi e le questure del Regno.

Il giornalista e scrittore Vittorio Giacopini entra nella casa romana dove è esiliato Errico Malatesta, rivoluzionario di professione, anarchico per indole, ormai all’ultimo tramonto per l’anagrafe.

Entra nella stanza di un vegliardo la cui storia è stata scritta dalla prosa poliziotta delle questure italiane e dei servizi internazionali.
Il lumino di Errico è ormai quasi spento, ormai non c’è più niente da fare, il vegliardo non ha risorse né futuro, anche se insiste nel volerlo fare, e non aspettarlo. E racconta.

Malatesta, Ulisse dell’anarchia, ha attraversato le sirene dei miti (del progresso, della rivoluzione, della giustizia sociale, dell’uguaglianza). In Italia, ricercato, inseguito, pedinato, arrestato, processato, fuggito, inseguito, pedinato, ricercato…, camuffato da capotreno ferroviario si fa nebbia, appare e scompare, riappare nelle segnalazioni delle forze dell’ordine e svanisce. Lo seguono a Cadice, Londra, in Egitto, a NY, Buenos Aires, in Patagonia…

Fino a lì, al tramonto romano: il vecchio giramondo, l’eversore, il mitico ‘Lenin d’Italia’ (tuttavia scrisse: ‘Lenin fu un tiranno, fu lo strangolatore della rivoluzione russa, e noi che non potemmo amarlo vivo, non possiamo piangerlo morto. Lenin è morto. Viva la libertà!’) ora è un vecchietto che non mette piede fuori di casa e non riceve nessuno, non ha visite (non può). Scrive: “No, io non sento bisogno di stare tranquillo; soffro, invece, perché sono obbligato a restar tranquillo”.
Il suo selvaggio contromondo immaginario è ancora lì, offuscato dall’età, la luce che si spegne lentamente, in solitudine. Ma lui lo vede, ancora.

I suoi occhi di brace fondi e dardeggianti hanno visto e ipnotizzato mezzo mondo, poi il suo gesticolare veloce, il tono ispirato del capo rivoluzionario, del sovversivo lo hanno sollevato su seggiole, palchetti, trespoli improvvisati e lì giù a mitraglia, a spiegare che la storia si improvvisa, che se non ora, quando? che l’Italia unita dal segno del denaro e delle tonache era da ripensare, che la fame non passava coi proiettili di Bava Beccaris, che la violenza era giusta contro gli oppressori, solo per la difesa “ma niente di più o peggio”.
Rivolte, tumulti, proteste e scioperi, dalla fine della Belle Epoque al biennio rosso, dalla battaglia anticomunista alla Grande Guerra, a Mussolini, un lungo carnet di insurrezioni, fughe, attentati, nel nome della libertà.

Anche Salvemini la vedeva così, senza imbarazzi:
Malatesta era un rivoluzionario assolutamente onesto, e il suo lungo,
attivo e coraggioso passato, il suo disinteresse, il suo fascino personale
e la sua giovanile energia gli conferivano un prestigio immenso.
Uomini e donne accorrevano a frotte ad ascoltarlo
con la speranza di trovare in lui il salvatore, il liberatore,
il leader, un nuovo Garibaldi, il Lenin italiano.
Ma egli non era Lenin, comunista,
era Malatesta, anarchico

Giacopini conduce un’”intervista” inedita e intensa, dando vita a una docu-fiction senza cedere alla creazione di un ‘santino’ (la qual cosa ne avrebbe senz’altro comportato il defenestramento da parte del vecchio rivoluzionario!).




Commenti
Nome
Email
Commento
Altre notizie di Pordenone
PROSECCO E FITOFARMACI. MANZATO
Sotto il segno dell'arte. Una nuova linea di viaggi
ESZTER TURNER PLAYMATE / CALENDARIO 2012 - 2° SEMESTRE PLAYBOY ENERGY DRINK ITALIA .
ESZTER TURNER PLAYMATE / FACEBOOK / CALENDARIO PLAYBOY ENERGY DRINK ITALIA
SABATO 24 MARZO NEL POLO FIERISTICO DI UDINE LA SECONDA EDIZIONE DI “CONFIERA”, GIOVANI IDEE IMPRENDITORIALI A CONFRONTO
“Anteprima Terraè - Officina della sostenibilità, 2a edizione, Esito incontro venerdì 1 aprile 2011, Sala conferenze, Biblioteca comunale, Pordenone”
SUBSONICA Un nuovo album ed un tour spettacolare PORDENONE Palasport Forum giovedì 31 marzo 2011
Presentata alla Fiera di Pordenone Radioamatore 2
Ruby, una vita in fuga da tutto «Salvata» dall'amica Minetti
Scene di sesso esplicito e uno stupro: è bufera sulla fiction «Terra ribelle»
Le feste di Ruby e il Bunga Bunga
Malasanità, un caso ogni due giorni Metà delle vittime in Calabria e Sicilia
Maradona maledice il polpo Paul
Lavorare alla Disney? Meglio Kabul
Bin Laden contro la Francia "tiranna": «Non togliere il velo alle nostre donne»
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Mauro71
Guarda tutti

Pubblicità
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up



 
 
© Editrice Verona Autorizzazione Tribunale di Verona n. 1566 del 11.11.03