Pubblicit

Sabato 20 Agosto 2022    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
Verona Sette News
2022-08-19 Per il “Trenino del Renon”, Bolzano, un francobollo di Poste Italiane, nel 115° anniversario dalla sua inaugurazione. 2022-08-19 Arena di Verona: nuove stelle per “La Traviata” e “Aida “ di Giuseppe Verdi, al 99° Arena di Verona Opera Festival 2022. 2022-08-19 III edizione di “Emozioni in Musica”, concerto patrocinato dal Comune di Verona e dall’Associazione Genitori Bambini down. 2022-08-19 SCUOLE DELL’INFANZIA. DAL MINISTERO IN ARRIVO 3 MILIONI PER UN NUOVO ASILO NIDO IN BORGO MILANO 2022-08-19 GIOVEDI’ 25 AGOSTO AL TEATRO ROMANO CONCERTO BENEFICO A FAVORE DELL’ASSOCIAZIONE GENITORI BAMBINI DOWN 2022-08-19 Shakespeare Interactive Museum 2022-08-18 POLIZIA LOCALE. GLI AVVISI DELLE RIMOZIONI A VERONA AVVENGONO TRAMITE APP IO 2022-08-18 TOSI (FI): "GHEDINI GRANDE UOMO DI GIUSTIZIA” 2022-08-17 Addio a Piero Angela: il discorso di Alberto 2022-08-17 Selena Gomez ci insegna ad essere fieri di noi stessi 2022-08-17 Tocatì, un programma condiviso per la salvaguardia dei Giochi e Sport Tradizionali 2022-08-17 Caroto e le arti tra Mantegna e Veronese: mostra al Palazzo della Gran Guardia 2022-08-17 NOMINATI I DELEGATI ALLE POLITICHE COMUNITARIE E ALLA TUTELA E BENESSERE DEGLI ANIMALI 2022-08-17 ORDINE DEL GIORNO SUL MUTUO SOCIALE 2022-08-16 “San Giò Verona Video Festival” 2022: porte aperte al “giovane cinema”. La grande iniziativa, alla sua XXVIII edizione, promossa da Cineclub Verona e curata da Ugo Brusaporco.
ADIGE TV: Home Verona Sette News Ricerca  
sul sito su
Verona
Vicenza
Venezia
Rovigo
Treviso
Padova
Udine
Cult
Pordenone
In Piazza
Trieste
Cagliari
Obiettivo Territorio

Estero
Budapest

Info Verona



















Luned 1 Agosto 2022
Veneto: in alcuni settori, c’e’ il lavoro forzato. Contrastando il “nero” si aumenta anche il salario minimo, scrive CGIA Mestre.

“Sebbene il Veneto sia la regione meno interessata d’Italia da questo triste fenomeno, l’attenzione, però, non va assolutamente abbassata. Le ultime stime disponibili ci dicono che nel nostro territorio ci sono 203.200 occupati irregolari, il tasso di irregolarità (dato dal rapporto tra occupati in nero e occupati regolari) è all’8,8 per cento, il Pil prodotto dall’economia sommersa su quello totale regionale è al 3,5 per cento e il valore aggiunto irregolare generato dal “nero” tocca i 5,2 miliardi di euro. In termini assoluti è il Nord l’area del Paese con il maggior numero di occupati irregolari pari a 1.281.900, seguita dal Mezzogiorno con 1.202.400, mentre al Centro se ne contano 787.700. Tuttavia, la classifica cambia, se si considera il tasso di irregolarità, cioè l’incidenza del lavoro irregolare sul totale della occupazione (sia quella regolare che quella non regolare). In questo caso l’area del Paese con una significativa maggiore incidenza del lavoro irregolare è il Mezzogiorno (17,5 per cento) in cui si stimano 17,5 occupati irregolari ogni 100, mentre al Centro ve ne sono 13, e al Nord circa 10. dirlo è l’Ufficio studi della CGIA. Come hanno messo in evidenza alcune recenti indagini giudiziarie condotte anche in Veneto - nell’agroalimentare, nei trasporti, nelle costruzioni, nella logistica e nei servizi di cura - lo sfruttamento praticato dalle organizzazioni criminali è sempre più spesso “affiancato” da violenze, minacce e sequestro dei documenti. L’applicazione di queste coercizioni ha trasformato ampie sacche di economia sommersa in lavoro forzato. In larga parte, le vittime sono cittadini stranieri presenti irregolarmente nel nostro Paese, ma sono sempre più numerosi anche gli italiani. Le difficoltà economiche di questi ultimi 2 anni e mezzo, infatti, hanno aumentato il numero dei nostri connazionali, in condizioni di vulnerabilità o di bisogno che, successivamente, è scivolato verso questo inferno. Una parte degli irregolari è “indipendente” E’ comunque importante sottolineare che una parte di chi lavora irregolarmente, anche nella nostra regione, è costituita da persone molto “intraprendenti”, che ogni giorno si recano nelle abitazioni degli italiani a fare piccoli lavori di riparazione, di manutenzione (verde, elettrica, idraulica, fabbrile, edile, etc.) o nel prestare servizi alla persona (autisti, colf, badanti, acconciatori, estetiste, massaggiatori, etc.). Un esercito di “invisibili” che, ovviamente, non sono alle “dipendenze” né di caporali né di imprenditori aguzzini ma, attrezzati di tutto punto, si spostano in maniera del tutto autonoma e indipendente, provocando danni economici spaventosi a chi esercita la professione regolarmente. Questi lavoratori irregolari sono in parte costituiti da pensionati, dopo-lavoristi, inattivi, disoccupati o persone in Cig, che arrotondano le magre entrate con i proventi recuperati da queste attività illegali.
Il salario minimo si alza anche sconfiggendo il “nero”. E’ un caso che una buona parte dei settori più interessati dall’economia sommersa, sia anche quella dove le retribuzioni previste dai contratti nazionali di lavoro dei livelli di inquadramento inferiori sono al di sotto dei 9 euro lordi all’ora? Evidentemente no. In agricoltura e nei servizi alla persona, ad esempio, la presenza del “nero”, infatti, contribuisce a mantenere basse le retribuzioni, previste dai contratti sottoscritti dalle parti sociali di questi settori, altrimenti molte aziende, che con il sommerso non vogliono avere nulla a che fare, con un monte salari più elevato, sarebbero spinte fuori mercato. Infatti, la concorrenza sleale, praticata dalle realtà che fanno un massiccio ricorso a lavoratori irregolari è fortissima. E’ chiaro che una cosa non esclude l’altra, ma riteniamo che l’innalzamento delle retribuzioni possa essere ottenuto non solo per legge, ma attraverso uno sradicamento dell’economia sommersa, premiando, anche fiscalmente, quegli imprenditori che vogliono operare nell’economia regolare. In arrivo 2 mila nuovi ispettori e più controlli. Entro la fine di quest’anno è prevista la pubblicazione di un Piano nazionale, per la lotta al lavoro sommerso che, tra le altre cose, dovrà rafforzare le misure di deterrenza del lavoro nero, attraverso il rafforzamento anche delle ispezioni e delle sanzioni. Ricordiamo che, nel 2021, l’organico dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro era composto da circa 4.500 addetti e che entro quest’anno è prevista l’assunzione di 2 mila nuovi ispettori. Grazie all’aumento del personale, entro la fine del 2024 il numero dei controlli a livello nazionale dovrà aumentare del 20 per cento, rispetto alla media del triennio 2019-2021. Entro il 2026, infine, il Piano prevede di ridurre di almeno 1/3 la distanza che separa il dato italiano da quello medio UE nell’incidenza del lavoro sommerso nell’economia. Nel Sud effetti economici preoccupantii. L’economia sommersa presente in Italia “genera” ben 76,8 miliardi di euro di valore aggiunto. Una piaga sociale ed economica che, a livello geografico, presenta differenze molto importanti. Il Veneto, ad esempio, ancorché registri oltre 203 mila lavoratori occupati irregolarmente, è il territorio che, dal punto di vista economico, è meno interessato d’Italia da questo triste fenomeno. Il tasso di irregolarità, infatti, è pari all’8,8 per cento, mentre l’incidenza del valore aggiunto, prodotto dal lavoro irregolare sul totale regionale è pari al 3,5 per cento; la percentuale più bassa presente nel Paese. Sempre dall’analisi di questo indicatore, subito dopo scorgiamo la Lombardia, la Provincia Autonoma di Bolzano e la Provincia Autonoma di Trento (tutte con un’incidenza del 3,6 per cento) e successivamente il Friuli Venezia Giulia con il 3,7 per cento. Viceversa, le situazioni più critiche si registrano nel Sud. In Calabria, ad esempio, a fronte di “soli” 131.700 lavoratori irregolari, il tasso di irregolarità è del 21,5 per cento e l’incidenza dell’economia prodotta dal sommerso sul totale regionale ammonta al 9,2 per cento (in termini assoluti un valore aggiunto da lavoro irregolare pari a 2,7 miliardi di euro). Nessun’altra regione registra una performance così negativa. Altrettanto critica è la situazione in Campania, dove i 352.700 occupati non regolari provocano un tasso di irregolarità del 18,7 per cento e un Pil da “nero” sul totale regionale dell’8,1 per cento (8,1 miliardi di euro). Preoccupante anche la situazione in Sicilia: a fronte di 280.200 lavoratori in nero, il tasso di irregolarità è al 18,5 per cento e il valore aggiunto prodotto dall’economia sommersa su quello ufficiale è del 7,4 per cento (5,9 miliardi di euro).Il Covid ha sicuramente peggiorato la situazione. A livello nazionale all’inizio del 2020 l’Istat stimava in poco più di 3,2 milioni le persone che quotidianamente per qualche ora o per l’intera giornata si recavano nei campi, nelle aziende, nei cantieri edili o nelle abitazioni degli italiani per esercitare un’attività lavorativa irregolare. Siamo propensi a ritenere che a seguito della crisi pandemica maturata in questi ultimi 2,5 anni - che ha provocato un forte incremento dei lavoratori in Cig e un impoverimento generale delle fasce sociali più deboli – il numero dei lavoratori irregolari e gli effetti economici di questo fenomeno presenti nel Paese siano aumentati in misura importante, soprattutto nelle aree del Paese che tradizionalmente sono più fragili e arretrate economicamente”. Dati precisi e considerazioni, che propongono una completa visione globale italiana, della pesante realtà del sommerso, da sradicare. Sommerso, che – sebbene, nella sua irregolarità, contribuisca, in qualche modo, pure a crescita – è in forte contrasto, con la giusta correttezza di coloro, che assolvono ogni dovere fiscale e costituisce, pure, come più sopra CGIA sottolinea, un certo ostacolo ad un migliore salario minimo.
Pierantonio Braggio



Commenti
Nome
Email
Commento
Altre notizie di Verona
Shakespeare Interactive Museum
GIOVEDI’ 25 AGOSTO AL TEATRO ROMANO CONCERTO BENEFICO A FAVORE DELL’ASSOCIAZIONE GENITORI BAMBINI DOWN
SCUOLE DELL’INFANZIA. DAL MINISTERO IN ARRIVO 3 MILIONI PER UN NUOVO ASILO NIDO IN BORGO MILANO
III edizione di “Emozioni in Musica”, concerto patrocinato dal Comune di Verona e dall’Associazione Genitori Bambini down.
Arena di Verona: nuove stelle per “La Traviata” e “Aida “ di Giuseppe Verdi, al 99° Arena di Verona Opera Festival 2022.
Per il “Trenino del Renon”, Bolzano, un francobollo di Poste Italiane, nel 115° anniversario dalla sua inaugurazione.
TOSI (FI): "GHEDINI GRANDE UOMO DI GIUSTIZIA”
POLIZIA LOCALE. GLI AVVISI DELLE RIMOZIONI A VERONA AVVENGONO TRAMITE APP IO
ORDINE DEL GIORNO SUL MUTUO SOCIALE
NOMINATI I DELEGATI ALLE POLITICHE COMUNITARIE E ALLA TUTELA E BENESSERE DEGLI ANIMALI
Caroto e le arti tra Mantegna e Veronese: mostra al Palazzo della Gran Guardia
Tocatì, un programma condiviso per la salvaguardia dei Giochi e Sport Tradizionali
Selena Gomez ci insegna ad essere fieri di noi stessi
Addio a Piero Angela: il discorso di Alberto
Grande successo per l’estate d’amore al Lago di Garda
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Guarda tutti

Pubblicit
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up